Tutela dei lavoratori esposti e vittime dell'amianto in Marina Militare, Aeronautica Militare ed Esercito


L’Osservatorio Nazionale sull'Amianto - ONA Onlus tutela i lavoratori esposti e vittime dell’amianto anche nel settore della Marina Militare, Aeronautica Militare ed Esercito, e comunque nel settore delle Forze Armate, sia sollecitando iniziative parlamentari, come la proposta di legge a firma D’Incà ed altri, che contempla espressamente la tutela in favore anche dei militari e comunque di tutti i lavoratori del comparto delle Forze Armate, in condizione di eguaglianza rispetto agli altri lavoratori e per la tutela legale istituisce uno sportello online, con la possibilità di contattare l’Associazione all’indirizzo e-mail osservatorioamianto@gmail.com e per le questioni più urgenti l’Avv. Ezio Bonanni, all’indirizzo e-mail avveziobonanni@gmail.com e uno sportello medico legale, affidato al coordinamento del Generale, Prof. Aristide Lombardi, al fine della prevenzione e tutela delle patologie asbesto correlate, il cui intervento può essere richiesto con email all’indirizzo osservatorioamianto@gmail, specificando nell’oggetto “Richiesta di assistenza medica”.

 

Anche grazie all’impegno dell’Avv. Ezio Bonanni e del comitato degli appartenenti alla Marina Militare e loro familiari, sono stati raggiunti significativi risultati, come la equiparazione alle vittime del dovere, con la liquidazione delle relative provvidenze (clicca per approfondimenti) fino alla richiesta di rinvio a giudizio nel processo Marina bis, istruito dalla Procura della Repubblica di Padova, ed affidato al Dott. Sergio Dini, e con l’impegno dell’infaticabile Ispettore Dott. Omero Negrisolo.

Numerosi militari della Marina, affetti da patologie asbesto correlate, e loro familiari, con l’assistenza legale dell’Osservatorio Nazionale sull'Amianto - ONA Onlus e dell’Avv. Ezio Bonanni, hanno ottenuto il riconoscimento di vittima del dovere e l’accredito delle relative prestazioni e tutela dei diritti.

L’associazione e gli iscritti si costituiranno parte civile nel procedimento penale, nel caso in cui il Giudice delle Indagini Preliminari accogliesse la richiesta di rinvio a giudizio della Procura della Repubblica di Padova.

Le condizioni di lavoro dei marinai della Marina erano veramente incredibili, come peraltro testimonia l’indagine fotografica realizzata dall’ONA ONLUS e dall’Avv. Ezio Bonanni, che verranno esibite nel corso del procedimento penale promosso dalla Procura della Repubblica di Padova a carico dei vertici della Marina Militare.

Molti marinai hanno già ottenuto il riconoscimento delle maggiorazioni contributive per esposizione ad amianto ex art. 13, comma 8, l. 257/92 e per coloro che hanno contratto patologie asbesto correlate, con l’art. 13, comma 7, l. 257/92 (clicca per saperne di più).

 

L’Osservatorio Nazionale sull'Amianto - ONA Onlus tutela i lavoratori esposti e vittime dell’amianto che hanno lavorato nell’Aeronautica Militare, e per i quali oltre alle iniziative legislative, come la già menzionata proposta di legge a firma D’Incà ed altri 84 deputati, ha attivato la tutela legale per ottenere anche per le vittime dell’Aeronautica Militare la equiparazione alle vittime del dovere, con la liquidazione delle relative provvidenze, e numerose azioni, innanzi alle competenti sedi per ottenere giustizia, per i numerosi casi di patologie asbesto correlate e l’Avv. Ezio Bonanni è stato affiancato dal Maresciallo in congedo Nicola Panei, e con l’alto ausilio scientifico del Generale dell’Aeronautica Militare in congedo, Prof. Aristide Lombardi.

Con Sentenza della Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale di Bologna, n. 92 del 2013, l’Avv. Ezio Bonanni, che si è avvalso della collaborazione dell’Avv. Massimiliano Fabiani, ha ottenuto il riconoscimento della maggiorazione contributiva in favore di un dipendente civile dell’Aeronautica Militare che svolgeva mansioni di tecnico.

In seguito al gran numero di patologie asbesto correlate e a molti casi purtroppo infausti, diversi uffici del Pubblico Ministero, su segnalazione dell’associazione, hanno avviato le doverose verifiche sulla presenza di amianto negli aeromobili e nelle strutture militari.

 

L’Osservatorio Nazionale sull'Amianto - ONA Onlus tutela i lavoratori esposti e vittime dell’amianto che hanno lavorato nell’Esercito, e per i quali oltre alle iniziative legislative, come la già menzionata proposta di legge a firma D’Incà ed altri 84 deputati, ha attivato la tutela legale per ottenere anche per le vittime dell’Esercito la equiparazione alle vittime del dovere, con la liquidazione delle relative provvidenze, e numerose azioni, innanzi alle competenti sedi per ottenere giustizia, per i numerosi casi di patologie asbesto correlate.

  

L’Associazione ha anche istituito un servizio di prevenzione, diagnosi e cura delle patologie asbesto correlate tra i lavoratori del comparto militare nell’ambito delle attività di volontariato a difesa della salute, affidandone il coordinamento al Prof. Aristide Lombardi, il quale ha una specifica esperienza in materia (vedi curriculum).