Meglio tardi che mai!

Dopo mesi di immobilismo anche la FIOM-CIGL intraprende la strada del ricorso al TAR del Lazio, che questo studio aveva già avviato nel 2008, su mandato delle associazioni e dei lavoratori e cittadini esposti e vittime dell’amianto, e che aveva portato, pur in via solitaria, all’accoglimento del ricorso con la Sentenza n°5750/09.


Ora il Governo Berlusconi, nel tentare di negare ancora una volta i diritti dei lavoratori, tenta la strada dell’azzeramento per legge, con l’art. 6, comma 9-bis, Legge 28.02.2010, n°25, peraltro già oggetto di ricorso alla Corte Europea ed alla Commissione Europea, e con eccezioni di incostituzionalità, sollevata dalle associazioni e dalle vittime.


Ci felicitiamo che anche la FIOM-CIGL scenda ora in campo in sostegno dei lavoratori e delle vittime dell’amianto, proponendo il ricorso al TAR, secondo le argomentazioni giuridiche da noi proposte nel 2008, ed accolte, e fondate, come da Sentenza n°5750/09, del TAR del Lazio (disponibile sul sito dello scrivente difensore e su quelli delle associazioni).


Divulghiamo il comunicato della FIOM-CIGL che si affianca alla battaglia che le associazioni già da tempo hanno intrapreso.


Roma, 19.05.2010                           


Avv. Ezio Bonan


Download
Il comunicato in formato Pdf
In allegato il comunicato della FIOM-Cgil
19-05-2010_Comunicato.pdf
Documento Adobe Acrobat 87.7 KB