Assegno vitalizio per i ciechi civili decimisti


Assegno vitalizio per i ciechi civili decimisti (legge 9 agosto 1954, n. 632 - art. 19 della legge 10 febbraio 1962, n. 66), per un importo che nel 2013 è pari ad € 190,48 circa.

 

Condizioni:

1. L'assegno vitalizio era previsto a favore dei cittadini affetti da cecità congenita o contratta, inabili a proficuo lavoro e sprovvisti dei necessari mezzi di sostentamento. L'art. 19 della legge 10 febbraio 1962, n. 66 ha mantenuto la corresponsione soltanto per i ciechi decimisti che già ne erano in godimento;

2. non disporre di un reddito annuo personale superiore ad € 6.717,94 (il dato è relativo all'anno 2000)

 

Incompatibilità:

L'assegno vitalizio, al pari di tutte le altre prestazioni pensionistiche erogate dal Ministero dell'interno ai minorati civili, era stato dichiarato incompatibile con le pensioni dirette concesse per invalidità contratta per causa di guerra, di servizio o di lavoro, nonché con ogni altra forma di trattamento pensionistico di invalidità.

 

Detta incompatibilità è stata abrogata dall'art. 12 della legge 30 dicembre 1991, che ha fatto salvi i diritti acquisiti per le prestazioni pensionistiche erogate dal Ministero dell'interno fino a tutto il 1° gennaio 1992.