Manifestazione nazionale dei lavoratori, dei cittadini e delle vittime dell’amianto a Roma il 5/3/2010

Manifestazione nazionale dei lavoratori, dei cittadini
e delle vittime dell’amianto a Roma il 5/3/2010

 

La protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall’esposizione all’amianto richiede un adeguamento della attuale legge sull’amianto, in modo da rendere pienamente esigibile anche l’applicazione dell’art. 32 della Costituzione Italiana nella parte che dice : “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”.
Quarant’anni fa, con l’articolo 9 dello Statuto dei Lavoratori, la legge 300/70, il legislatore ha riconosciuto e recepito la battaglia intrapresa dal movimento operaio per tutelare la salubrità, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, anche se questa norma non è quasi mai stata completamente applicata e per questo nel passato la Repubblica Italiana è stata più  volte condannata dalla Corte di Giustizia Europea.

Ancor’oggi l’amianto, il killer silenzioso, rappresenta una vera emergenza, umana, ambientale e sanitaria. L’amianto è presente nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli edifici pubblici, sui tetti e nei capannoni industriali, nelle nostre case ed in circa tremila prodotti di uso corrente, con effetti devastanti come dimostrano le oltre 4.000 persone che muoiono ogni anno a causa di questo cancerogeno.
La Direttiva Comunitaria 148 del 2009 afferma che: “ non è stato ancora possibile determinare il livello di esposizione al di sotto del quale l’amianto non comporta rischi di cancro”: quindi, come affermano autorevoli scienziati e la stessa Direttiva Comunitaria sopra citata, non solo “è opportuno ridurre al minimo l’esposizione professionale dei lavoratori all’amianto”, ma l’amianto va eliminato e va perseguito l’obiettivo del “rischio zero”, perché l’unica fibra innocua è quella che non si respira.
La nostra battaglia, che persegue l’obiettivo del “rischio zero” per chi viene a contatto con l’amianto e più in generale con tutte le sostanze cancerogene, è anche una battaglia per l’attuazione piena della Costituzione della Repubblica Italiana.
La nostra lotta è la lotta di tutti, non persegue interessi economici, ma è una battaglia di civiltà.
Denunciamo l’inerzia del governo che ad oggi non ha ancora reso operativo il FONDO VITTIME DELL’AMIANTO per carenza del decreto attuativo, che doveva essere emanato entro 3 mesi dall’approvazione,  che invece, ad oltre 2 anni, non è ancora venuto alla luce, impedendo il risarcimento alle vittime dell’amianto. In tal modo il governo che non rispetta neanche le sue stesse leggi e per questo oggi manifestiamo.
Il concentramento dei manifestanti è previsto alle ore 10.00 del giorno 05.03.2010, in piazza Cavour ang. Via Crescenzio.
Successivamente gli operai, i lavoratori, cittadini e vittime dell’amianto si sposteranno in Piazza SS. Apostoli, dove si incontreranno con altri manifestanti  provenienti da varie parti d’Italia.
Alle 10.30 inizierà la Manifestazione Nazionale in Piazza SS: Apostoli con interventi dei  rappresentanti dei Comitati e delle Associazioni che illustreranno le prossime iniziative di lotta che saranno intraprese per i lavoratori e i cittadini vittime ed esposti all’amianto.
Durante la manifestazione, una delegazione si recherà al Quirinale per consegnare una lettera al Capo dello Stato per chiedere un suo autorevole intervento sui temi sopra esposti.

 

Roma,  5 marzo 2010

 

Comitato per la Difesa della Salute

nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio
cip.mi@tiscalinet.it - 335/7850799

 

Associazione Vittime Amianto Nazionale Italiana
avappresidente@hotmail.it - 335/8056074

 

Associazione Esposti Amianto Regione Friuli Venezia Giulia
segreteria@aea-fvg.org - 040/370380

 

Osservatorio Nazionale Amianto
osservatorio.amianto@tiscali.it

 

Associazione “Contramianto e altri rischi Onlus”
contramianto@libero.it - 328/8228177

 

Comitato Amianto e Geotermia Alta Val di Cecina
mcardellini@alice.it

Download
Il volantino in formato Word
VOLANTINO_ASSOCIAZIONI_MANIFESTAZIONE_RO
Documento Microsoft Word 800.0 KB